Il mondo della professione odontoiatrica

ANDI Campania seleziona e pubblica per i propri iscritti notizie relative all’ambito odontoiatrico con specifici riferimenti a tematiche di carattere scientifico e professionale.
L’obiettivo di ANDI Campania è quello di divulgare informazioni puntuali e dettagliate al fine di fornire ai propri soci uno strumento di costante aggiornamento.



Notizie > ANDI Campania Torna all'elenco

05 lug 2021
Sistema tessera sanitaria, ecco la prima scadenza per l'invio dei dati. Utilizza Brain servizi.


Quest’anno è cambiata la cadenza degli invii periodici dei dati dei pazienti al Sistema Tessera sanitaria cui sono tenuti medici e odontoiatri che fatturano prestazioni libero professionali. La prima scadenza da tenere presente è il 31 luglio 2021 e riguarda l’invio dei dati del primo semestre di quest’anno. 
Fino a tutto il 2020 la spedizione delle fatture è avvenuta con cadenza annuale entro il primo mese dell’anno successivo a quello di riferimento. Il decreto del Ministero dell’Economia del 29 gennaio 2021 però ha innovato l’adempimento e ha previsto la nuova calendarizzazione dei termini. La cadenza mensile degli invii delle fatture al sistema Ts, in origine prevista per il 2021 dal decreto del Ministero dell’Economia del 22 novembre 2019, partirà dal 2022. In sintesi, per questo 2021 le date da ricordare sono due: per le fatture del primo semestre il 31 luglio e per quelle del secondo semestre il 31 gennaio 2022. Dal 2022 si entra nel nuovo regime di spedizione mensile. 
Inoltre lo scorso 1° giugno è stato aggiunto un nuovo onere, si deve segnalare se la prestazione è stata pagata in contanti – nel qual caso non può essere potata in detrazione dal cittadino nel modello 730 o Unico – o se in modalità tracciabile con assegno, carta di credito, bancomat, bonifico. Si dovrà quindi spuntare nella casella “pagamento tracciato” la dicitura “SI” o “NO”. 
Ove il pagamento non sia effettuato con strumenti tracciabili, il contribuente non potrà detrarre il 19% della spesa sostenuta. Peraltro, anche se il paziente rinunciasse alla detraibilità della fattura pur di pagare in contanti, l’importo sborsato non potrà superare per quella prestazione il limite di 1.999 euro per una norma inserita nella legge di Bilancio 2020.
Un ulteriore Decreto Mef, del 19 ottobre 2020, per le prestazioni sanitarie effettuate dal 1° gennaio 2021, ai fini della trasmissione al Sistema Ts introduce tre nuovi campi: “tipo documento” – fattura o documento commerciale; “aliquota iva” o “natura iva” della prestazione con valori da N1 a N7 con relativi sottocodici, ove previsti; indicazione dell’esercizio dell’opposizione da parte del Paziente alla messa a disposizione dei dati all’Agenzia delle Entrate per la dichiarazione precompilata: in questo caso, i dati andranno comunque inviati usando il Sistema Ts senza però indicare il codice fiscale bensì annotando l’esercizio dell’opposizione sulla fattura con la dicitura: “Fattura trasmessa al Sistema Ts senza indicazione del CF per opposizione ai sensi dell’art. 3 DM 31/07/2015 e art. 2, c. 2, lettera c) DM 19/10/2020”.
È infine obbligatorio inserire la dicitura dell’esenzione Iva alla quale deve abbinarsi il riscontro sulla fattura dell’apposizione della marca da bollo virtuale di 2 euro. 

 




AGENDA

la rete andi